Caricamento in corso... Si prega di attendere.
  • italiano
 Techma Srl

Cilindretto di zinco

Processo produttivo e caratteristiche

La graniglia di zinco in cilindretti è ricavata tagliando del filo di lega di zinco in spezzoni lunghi quanto il diametro.

La natura del materiale (filo di zinco trafilato)  ed il sistema di produzione escludono, nella maniera più assoluta, la presenza di impurità e di grani con inclusioni, cavità, soffiature, cricche, ecc.

Va inoltre osservato che, pur presentandosi in forma cilindrica, questo abrasivo assume, nell’arco di pochi cicli di lavorazione, una forma sferico-poliedrica.

Tale forma viene poi mantenuta, seppur a fronte di una riduzione progressiva del diametro, per tutto l'arco della propria vita senza mai dare adito ad episodi di frantumazione.

La graniglia di zinco è impiegata nelle granigliatrici a turbina per la sbavatura e pulizia di materiali non ferrosi e fusioni di leghe leggere pressofuse o fuse in conchiglia.

In particolare è idonea per:

  • pressofusioni di zinco
  • pressofusioni di magnesio (in accordo con BGR 204, le graniglie di zinco e leghe di zinco con un basso tenore di rame sono adatte per la sabbiatura di fusioni di magnesio)
  • pressofusioni  di alluminio.

Utilizzi e vantaggi

Poiché lo zinco ha un peso specifico simile a quello dell’acciaio e acciaio inox ma una bassa durezza e un’alta deformabilità, l’energia trasmessa al pezzo durante la granigliatura e sabbiatura è significativamente inferiore rispetto a quella di una graniglia in acciaio o graniglia in acciaio inox.

Il risultato che ne consegue è un pezzo perfettamente sbavato e con una superficie liscia e splendente con bassa rugosità superficiale, simile a quella che si otterrebbe con la lucidatura o la burattatura.

Altri vantaggi sono:

  • sensibile diminuzione di consumo rispetto agli altri tipi di abrasivo soprattutto con la graniglia di zinco PLUS.
  • quasi azzeramento dei consumi di ricambi della granigliatrice con conseguente riduzione dei costi di manutenzione e di fermo macchina.
  • l’incastro di grani in eventuali fori del pezzo sabbiato non crea problemi per le successive lavorazioni con utensili grazie all’elevata deformabilità e alla bassa durezza dello zinco.

Normative di riferimento:

•    DIN 8201-4

•    DIN EN 14919:2001

Techma Srl - Via Alla Spiaggia, 19 23900 Lecco (LC) Italy - Tel. 39 0341 288035 - Fax 39 0341 220347
E-mail: info@techmasrl.com - PEC: techma@legalmail.it - P.IVA IT02016130300
© 2017 Tutti i diritti riservati
KOMPRESA - Realizzazione siti per le PMI
Ultimo aggiornamento: 15/03/17